UBISOFT PIZZICATA DA COURTNEY CRAVEN PER IL TESTO DI UN PERSONAGGIO USTIONATO IN ASSASSIN’S CREED VALHALLA

UBISOFT PIZZICATA DA COURTNEY CRAVEN PER IL TESTO DI UN PERSONAGGIO USTIONATO IN ASSASSIN’S CREED VALHALLA

Novembre 13, 2020 1 Di Noctis Lucis Caelum

Ma Ragazzi, se un gioco è per l’appunto “UN GIOCO” e un film è per l’appunto “UN FILM”, come li si può scambiare per realtà?

Giochi e Film sono finzioni che raffigurano spesso e volentieri i lati estremi e drammatici della vita, il gioco stesso lo anticipa nell’introduzione “queste sono finzioni ecc…” ma ciò non significa assolutamente che ne stiano promuovendo un movimento sociale, religioso o politico o che approvino quel che viene eseguito dai personaggi finti del gioco (come gli assassini).

Courtney Craven, fondatrice del sito per l’accessibilità di utenti per lo più affetti da disabilità Can I Play That?, ha twittato il testo che descrive un personaggio di Assassin’s Creed Valhalla di nome Eorforwine, che soffriva di gravi ustioni.
La descrizione dice che è stata “orribilmente ustionata in un incidente d’infanzia” e ora è “terrorizzata che qualcuno veda la sua faccia sfigurata“.

Craven ha detto che è “assolutamente inaccettabile parlare di differenze facciali in questo modo“. Ha anche descritto l’imbarazzo di vedere il gioco che rappresenta le ustioni in questo modo mentre era seduta accanto alla sua ragazza, che “è una vittima di ustioni e ha passato molti anni a vergognarsi delle sue cicatrici“.

Ubisoft ha rapidamente rilasciato una risposta chiedendo scusa per “aver rafforzato involontariamente la sofferenza della sua compagna attraverso questo linguaggio”. Ha promesso di rimuovere la lingua in un prossimo aggiornamento, ma non ha fornito una tempistica per quando tale aggiornamento potrebbe arrivare.

Sono d’accordo se fosse stato un tentativo di danneggiare volontariamente tutte le persone realmente coinvolte in questi terribili incidenti, ma il gioco non mira a quello e le esperienze di vita non cambiano semplicemente cambiando il testo di un videogioco.
Se lo scrittore ha previsto di includere un personaggio come Eorforwine con la sua triste storia è per trasmetterci delle emozioni e farci riflettere, un elemento del gioco pur piccolo che sia contribuisce a rendere il gioco stesso “unico”.

Dopo la risposta di Ubisoft sulla patch correttiva e le sue scuse, un Tweet di Courtney Craven che sfoggia l’orgoglio della sua capacità di poter cambiare il mondo dei videogiochi con un semplice tweet e che la prossima volta (ironicamente) si proporrà per la presidenza, sicura di vincere contro Biden:

Questa è la mia voce e il mio pensiero, penso di avere il diritto di esprimermi come lo fanno certe persone con presunzione sui social network, io lo faccio nel mio sito:
Se il mondo del Gaming deve prendere questa piega, allora possiamo dire addio anche ai personaggi con le gambe di legno, addio personaggi con la benda all’occhio, addio personaggi senza un dito o senza una mano, addio personaggi con i polmoni artificiali, addio a tutti gli X-Men che scoprono i loro poteri da uno o molteplici difetti genetici terribili, addio ai giochi horror e splatter, addio ai giochi psyco-horror come Senua, addio alle esperienze di gioco vere e pure e lasciamo spazio alle censure inutili e al buonismo insensato. Il Gaming è Finzione. Se non siete in grado di sostenerlo, non Giocateci e risparmiate di rovinare l’esperienza originale e completa di gioco a tutti gli altri giocatori del mondo che ne hanno il diritto.

Quante volte trovo “inaccettabile” mostrare torture e manipolazioni nei videogiochi tra malvagi e innocenti? Ingiustizie tra forti e deboli? infinite volte, ma non mi permetto di protestare e far cambiare la natura di un gioco per questo, semplicemente non ci gioco e lo lascio alla fascia di utenti per il quale è stato realizzato.

Noctis Lucis

Assassin’s Creed Valhalla cambierà per questo?
Grazie Courtney.