IBRA, CHI HA DATO A “EA FIFA” IL PERMESSO DI USARE IL MIO NOME E LA MIA FACCIA?

IBRA, CHI HA DATO A “EA FIFA” IL PERMESSO DI USARE IL MIO NOME E LA MIA FACCIA?

Novembre 26, 2020 Off Di Noctis Lucis Caelum

Questa settimana, la superstar del calcio Zlatan Ibrahimović ha affermato che EA stava usando il suo nome e la sua faccia in FIFA 21 senza il suo permesso, e ha dichiarato che era “ora di indagare”.

In un tweet, l’attaccante 39enne dell’AC Milan si è chiesto chi avesse dato a EA il permesso di usare il suo nome e il suo volto per il loro mega franchising da un miliardo di dollari all’anno.

Ibrahimović ha puntato il dito contro la “Federation Internationale des Associations de Footballeurs Professionnel” (FIFPro), il rappresentante globale dei calciatori professionisti, di cui sosteneva di non essere a conoscenza.

EA – e in effetti lo sviluppatore di PES Konami – concede in licenza l’uso di migliaia di calciatori tramite FIFPro ogni anno.
La star degli Spurs Gareth Bale si è unito a Ibrahimović nell’interrogare FIFPro.

Ieri, EA ha rilasciato una dichiarazione in risposta ai tweet di Zlatan, dicendo che aveva lavorato con FIFPro per anni per garantire i diritti delle somiglianze dei giocatori per i giochi FIFA.

Inoltre, EA ha firmato un accordo di partnership con entrambi i club milanesi a luglio, che includeva l’uso del kit, dei giocatori e dello stadio dell’AC Milan.

È un accordo che è stato ampiamente pubblicizzato prima del lancio di FIFA 21 all’inizio di quest’anno e includeva persino Ibrahimović nelle immagini promozionali.

Tuttavia, la controversia si è intensificata ieri dopo che gli agenti dei giocatori hanno minacciato azioni legali contro EA. L’agente di Ibrahimović, Mino Raiola, ha twittato dicendo che FIFPro e Milan “non hanno diritti individuali dei giocatori“, accusando EA Sports di saperlo – e insistendo di averlo detto alla società “molte volte”

In un altro tweet, Raiola ha affermato che EA Sports lo aveva “schivato” sulla questione dei diritti dei giocatori per 10 anni, poi ha minacciato un’azione legale: “Forse ora risponderai, o solo in tribunale?”

In risposta ai recenti sviluppi, EA ha rilasciato una nuova dichiarazione fortemente formulata in cui afferma che FIFA 21 ha i diritti su tutti i giocatori del gioco.

“Siamo a conoscenza delle discussioni sulle licenze dei giocatori in EA Sports FIFA”, ha detto EA. “La situazione attuale che si sta giocando sui social media è un tentativo di coinvolgere FIFA 21 in una disputa tra una serie di terze parti e ha poco a che fare con EA Sports.

“Per essere molto chiari, abbiamo i diritti contrattuali per includere la somiglianza di tutti i giocatori attualmente nel nostro gioco. Come già affermato, acquisiamo queste licenze direttamente da leghe, squadre e singoli giocatori. Inoltre, lavoriamo con FIFPro per assicurarci di includere quanti più giocatori possibile per creare il gioco più autentico.”

“In questi casi, i nostri diritti sulle sembianze dei giocatori sono garantiti attraverso il nostro accordo di club con l’AC Milan e la nostra partnership esclusiva di lunga data con la Premier League, che include tutti i giocatori del Tottenham Hotspur”.

Nonostante la dichiarazione di Ibrahimovic di non essere a conoscenza del suo coinvolgimento con FIFPro, è stato incluso nella FIFPro World 11 nel 2013 e, nel gennaio 2014, era a Zurigo per la cerimonia del Pallone d’Oro FIFA.

Gli agenti saranno consultati da qui alla primavera del 2021 e riceveranno tutti i progetti di regolamento e verrà chiesto un feedback. Il regolamento andrà poi avanti per l’approvazione del Consiglio FIFA tra marzo e giugno del prossimo anno prima di entrare in vigore a settembre.

Per quanto riguarda EA Sports, ora deve affrontare un livello crescente di proteste da parte di calciatori di alto profilo, con altri da seguire senza dubbio sui social media.

Nel giugno di quest’anno, 450 giocatori in Brasile hanno vinto un accordo di 6,5 milioni di dollari dopo che l’Unione degli atleti di Santa Catarina ha intentato una causa contro EA Sports in tribunale.

E nel 2003, il leggendario portiere tedesco Oliver Kahn ha vinto una causa contro EA dopo che un tribunale ha stabilito che EA aveva incluso una figura che sembrava Kahn nella Coppa del Mondo FIFA 2002 senza l’approvazione del portiere. Si pensa che Kahn sia il primo giocatore di football professionista a intentare una causa contro la sua rappresentazione in una partita.

Fonte: eurogamers