AMAZON, INFORTUNI ALLE STELLE NEI GRANDI MAGAZZINI

AMAZON, INFORTUNI ALLE STELLE NEI GRANDI MAGAZZINI

Ottobre 23, 2020 0 Di Noctis Lucis Caelum

EBBENE Sì, i tassi di infortunio dei grandi magazzini di Amazon sono così alti che deve affrontare una classificazione dei rischi dei lavoratori più costosa.
Washington propone che Amazon sia classificato in modo diverso dalle altre società proprietarie di magazzini.

Proprio il mese scorso, uno straordinario rapporto ha mostrato come i centri logistici di Amazon in tutto il paese abbiano visto aumentare i tassi di infortunio tra il 2016 e il 2019, provenienti da dati interni dell’azienda. E ora, la legislazione proposta nello stato di Washington chiederebbe ad Amazon di pagare un premio di risarcimento ai lavoratori più elevato rispetto ad altre società proprietarie di magazzini, questo dal 2021.

Per far sì che ciò accada, lo stato vuole inserire i magazzini che funzionano come quelli di Amazon in una classificazione di rischio separata. Sebbene la classificazione proposta per “centri logistici” non dica la parola Amazon da nessuna parte, il modo in cui sono definiti sembra adattarsi alla descrizione dell’azienda:

  • Disporre di un mercato online per vendere la propria merce e la merce di venditori di terze parti;
  • Vendi il proprio marchio di merce al dettaglio online;
  • Offrire servizi di magazzinaggio e di evasione degli ordini per venditori di terze parti;
  • Utilizzare veicoli automatizzati e robotica all’interno della struttura;
  • Enfatizzare le tempistiche rapide e monitorare la velocità dei dipendenti; e
  • Offri opzioni di consegna lo stesso giorno o due giorni

Amazon è attualmente l’unica azienda coperta da questa nuova classificazione, ha detto al Seattle Times Michael D. Ratko, vicedirettore della divisione di servizi assicurativi del Dipartimento del lavoro e delle industrie di Washington.

Il dipartimento ha scoperto nel 2019 che i centri logistici di Amazon avevano una quota crescente di richieste di risarcimento danni e costi assicurativi rispetto ad altri operatori di magazzino, secondo The Seattle Times. E sebbene i premi assicurativi per il magazzino siano aumentati del 18% nel 2020, gli operatori di magazzino non Amazon hanno visto i tassi di richiesta di risarcimento dei loro lavoratori diminuire.

Questa nuova classificazione dei “centri logistici” avrebbe un premio di risarcimento per i lavoratori orari diverso rispetto ad altri magazzini. Le tariffe proposte per il 2021 sarebbero del 15% più alte per Amazon e del 20% più basse per altri magazzini rispetto al 2020. La nuova tariffa di Amazon sarebbe superiore a quelle per le operazioni di disboscamento meccanizzato, le forze dell’ordine e oltre 260 altri settori, secondo al Seattle Times.